torna alla pagina iniziale
 
Progetto SOSTEGNO ALIMENTARE
 


Ogni giorno riceviamo da parte dei media messaggi che evidenziano vite perfette mancanti di nulla, la casa modello, la bella macchina , benessere, salute e ricchezza. Sono purtroppo messaggi falsi perché la vita dei molti non è una favola. Dietro la bella facciata della pubblicità si nascondono realtà che per abitudine collochiamo solo nei cosiddetti "paesi poveri".

La nostra organizzazione nasce con lo scopo di sostenere le persone bisognose nella realizzazione di una vita dignitosa. In Italia secondo l'ultima indagine ISTAT, diffusa lo scorso agosto 09, periodo di riferimento anno 2008, le famiglie italiane che vivono in condizioni di povertà relativa sono 2 milioni e 737 mila, per un totale di 8 milioni e 78 mila persone. Questi 8,078 milioni di persone non hanno la possibilità di avere una dieta alimentare diversificata, risiedono in abitazioni poco confortevoli e fanno fatica ad arrivare a fine mese.
Inoltre, sempre più numerose sono le famiglie così dette "normali" che si rivolgono ai servizi sociali sperando di ricevere un aiuto economico per l’acquisto di derrate alimentari. Sono nuclei famigliari che non soffrono di disagi particolari come problemi di droga, violenza, separazioni etc. ma che si sono viste private dell’unica fonte economica della famiglia, a seguito della crisi economica che ha mietuto milioni di posti di lavoro.
Abbiamo conosciuto persone che vivono in stato di indigenza e povertà, non in città lontane ma proprio nelle nostre zone!

Idea

Ci sono organizzazioni, come la nostra, che raggiungono molte famiglie grazie al "BANCO ALIMENTARE", purtroppo le richieste sono maggiori delle disponibilità.
Abbiamo pensato quindi, viste le positive esperienze di altre organizzazioni "no profit" nel nord Italia, di sviluppare il progetto "SOSTEGNO ALIMENTARE" coinvolgendo aziende e attività commerciali dei Castelli Romani e dintorni che si trovano a dover gestire, per varie motivazioni, una notevole quantità di merce invenduta o semplicemente che decidono di donare una piccola parte di prodotti oggetto della loro produzione e/o commercializzazione alle ONLUS.
In Italia lo spreco annuo di prodotti alimentari ancora perfettamente consumabili ammonta a 1,5 milioni di tonnellate, pari ad un valore di mercato di 4 miliardi di euro. Montagne di prodotti alimentari e non, finiscono in discarica o all’incenerimento. Va così in fumo non solo del cibo, ma anche lavoro, tempo e tante altre risorse, per non parlare del danno ambientale: CHE SPRECO COLOSSALE!

Fattibilità

    Il "PROGETTO SOSTEGNO ALIMENTARE" si propone di valorizzare i prodotti invenduti o appositamente destinati al sostegno dei meno abbienti attraverso la nostra organizzazione.
Come? Raccogliendo la merce e ridistribuendola alle persone bisognose.
I benefici sono molteplici per tutti.

L'esercizio commerciale o l’azienda di produzione :
  • guadagna in immagine, collaborando in attività ad utilità sociale;
  • gode di uno spazio pubblicitario gratuito sul nostro sito;
  • abbatte i costi di magazzino derivanti dall’eventuale gestione di "invenduti";
  • gode di sgravi fiscali grazie al D.Lgs 460/1997 art. 13;
La nostra organizzazione:
  • ricevendo i suddetti beni gratuitamente, potrà supplire ai bisogni di molti;
Il territorio:
  • si creerà un'area comune dove poter sviluppare solidarietà e sostegno verso i meno abbienti;
  • attività commerciali ed organizzazione no profit collaboreranno insieme per un fine comune;

Fasi Operative

La raccolta della merce verrà svolta dalla nostra associazione.
  • L'intento è quello di offrire un servizio capace di poter valorizzare da un punto di vista economico sociale ed ambientale i prodotti invenduti o appositamente destinati ai bisognosi.
  • Il coordinamento della raccolta sarà periodico e rispetterà le disponibilità delle attività commerciali e delle aziende coinvolte.
  • La merce dovrà essere accompagnata dal documento di trasporto riportante quantità e valore di quest' ultima (iva esclusa).
  • Ad attestare il ricevimento verrà rilasciata una dichiarazione sostitutiva di notorietà a conferma di quanto dichiarato con il documento di trasporto, attestante che l’esclusivo utilizzo dei beni ricevuti è per persone meno abbienti.
    La dichiarazione sostitutiva di notorietà è necessaria affinché l’impresa donante possa godere dei benefici fiscali secondo quanto stabilito dal D.lgs 460/1997 art.13. Tali benefici si possono godere anche nel caso in cui oggetto delle donazioni siano generi alimentari deperibili ed a lunga conservazione completamente integri che si decide di escludere dalla normale filiera di vendita.

Scarica qui il D.Lgs. 460/1997 art 13.


In Matteo 22, 35-36 Gesù dice:
"Avevo fame e mi avete dato da mangiare".

"AIUTATECI AD AIUTARE"

 
 
I Sostenitori
 
Ringraziamo gli esercizi commerciali che attualmente contribuiscono nella donazione di beni, permettendo così la realizzazione di questo importante progetto:


FORNO PIZZERIA EZANA DI HAZANI RAFIS
Via Corioli 2
00040 ARICCIA (RM)
 
Forneria Pavona S.r.l.
Via del Mare 20-22
00041 PAVONA - ALBANO LAZIALE (RM)
 
CP SHOP S.r.l. punto vendita Eurospin
Via Serravalle di Chienti, 4 - 00156 (RM)
 
Pork's House
Via Nettunense KM 6,500 10/A
00040 Ariccia (RM)
 
Trombetta Gros
Via delle Cerquette
00040 Ariccia (RM)
Tormbetta Gros
Bar Porta Pretoria
Via Alcide De Gasperi, 74
00041 Albano Laziale (RM)
 
 

  Visite: 104844    Visitatori on-line: 19